In Alleanza

Il blog del Centro Internazionale di Spiritualità


Lascia un commento

Speech of sr. Nadia Coppa , General Superior, during the celebration of passage to the new general administration

I wish to express thanks, briefly, in my name personally and that of my collaborators, for such a warm participation at this intense and moving celebration.  A strong moment during which we experienced the tender and strong love of the Lord Who precedes us and accompanies us

with solicitude and patience, offering us each time, to a “more” of life for us and for others.

I thank Fr. Oliviero, brother and friend of the Adorers of the Blood of Christ, for having shared God’s Word, and for having helped us to celebrate the mystery of Christ in our life, and each of you who gathered to share this joy.

We thank all the priests (Fr. Vito, Fr. Benedetto, Fr. Jeffry, Fr. Arlindo), the seminarians, the international community, all the ASC who came from the communities and you friends. Finding ourselves around the chalice of the Beloved Lamb is surely the fullest opportunity to manifest that closeness to each other, that support and that trust that is needed when we find ourselves facing a new beginning.

The infinite patience of beginning…keeping alive the desire to constantly experience the newness that only God can place into our innermost heart.

There are many feelings with which we begin this service to the Congregation…  Fear(Awe) and trembling…   Awe for the awareness that the Lord offers Himself through unexpected invitations, trembling for the fear of not being capable to respond fully to his will.

Contrasting feelings, as you can imagine; but if we are here it is to re-confirm our loving adherence to the Lord who does not tire of leading us always further beyond ourselves in gift in the bare obedience of faith. We are re-conferming our “Yes” to The Love!

We have celebrated the Eucharist during which all, in unique and singular ways, with awareness we renewed our intimate and deep belonging to our Beloved Spouse who leads us on unexplored paths, asking or us simply a docile abandonment.

There is a word that resounds repeatedly in today’s liturgy and which is the profound invitation that the Father gently whispers to us, challenging our often divided heart… between “servile duties” and “loving desires of sons/daughters”: to obey radically to the excessive and unmeasured Love of God.

We have savored one of the most beautiful texts of Scripture: the hymn of Christ, who emptied Himself for us and for our salvation. Fr. Oliviero, in his homily, broke this Word for us… And I, too, permit me, I will try timidly to share a thought…which is a prayerful sentiment, matured in my personal prayer and which warmed my heart.

Paul, with heartbroken tones, gives each of us a life plan; especially today, I hear/feel this Word for us, called to serve the Congregation for the next six years. It is a strong, demanding Word…hard …addressed to me , to you Mattjia, to you Wieslawa, and to you Bridget, and  to you Dani… it is for you Manuela, for you Maria Grazia…for us who begin this fascinating journey of placing ourselves humbly in the footsteps of Christ in order to learn again from Him what it means to make a gift of oneself, in this service of leading the Congregation.

We wish to place ourselves in the school of the Master in order to assume these His same feelings (Phil 2:5) and learn the bare obedience of faith (cfr. Phil 2:8)… we will hold our gaze fixed on Him so that this our fragile response of love might express more life for every ASC spread throughout the world,  by our transformed life. We wish to be Gospel which all can read through our choices and our life in community for mission.

            We try to translate obedience into dedicating our life to what make it real, loving each person, seeking the beauty that heals the heart, the meaning of everything and the fruitful harmony of every meeting. We listen to the desires and dreams of each ASC , and seek concrete ways to make small steps together toward the future that God is dreaming for our Congregation.

We try to make choices in fidelity to the dreams of MDM…, seeking simple means and ways, but new ones, to develop paths, to live the challenges of today.

We don’t do great things, but we try to be a small flame placed above a candelabra simply to give a little light and to give joy to those who wish to be warmed by this flame.

We choose a life of contemplation in order to nourish that interior disposition that will help us respond to the cry of the Blood.

We give a concrete response to the calls that we received in the GA2017 Acts, involving all in trying to listen to the voices of each one and of this our world, which constantly calls upon us and challenges us to be an outgoing Church.

We let our charism flow in our choices, trying not to pose resistance to the healing and reconciling power of the Blood of Christ.

We dispose ourselves with docility and openness of heart in listening to the Word, so that It may transform us and raise our existence up to that which renders it an authentic gift for others, seeking in our relation with the Lord and among ourselves, the courage to expose ourselves, to commit ourselves, become ever more deeply passionate for our common mission in the Church, opening our heart to hospitality, choosing to help life grow.

On this journey we will not be alone…because we will be traveling together the same path traced out by Maria De Mattias, by Serafina Cinque, by the Sisters Martyrs of Charity and Faith and by every Adorer who preceded us and by those who walk beside us.

We follow the path traced by the Administration that preceded us, by the vision which we are acquiring as Congregation. We will walk together, on the same rope (as in mountain climbing). No one is excluded…all are called together to collaborate in openness to the Spirit for global unity.

Continue to pray for us.  Accompany us with the trust that the Lord uses what is small and fragile to do great things.  Evangelical logic is the logic of smallness, of newness, of the possible over our impossible… Believing in this is being open to the work of God and to the experience of faith. May the Lord make for Himself ever more space in our lives; and emptying us of ourselves, may He fill us with Himself and with that Charity that we are called to “retract and reflect” (Life Charter 2).

Again, heartfelt thanks.

Sister Nadia Coppa, ASC General Superior

Annunci


Lascia un commento

Speech of sr. Nadia Coppa ASC, General Superior, during the celebration of passage to the new general administration

I wish to express thanks, briefly, in my name personally and that of my collaborators, for such a warm participation at this intense and moving celebration.  A strong moment during which we experienced the tender and strong love of the Lord Who precedes us and accompanies us

with solicitude and patience, offering us each time, to a “more” of life for us and for others.

I thank Fr. Oliviero, brother and friend of the Adorers of the Blood of Christ, for having shared God’s Word, and for having helped us to celebrate the mystery of Christ in our life, and each of you who gathered to share this joy.

We thank all the priests (Fr. Vito, Fr. Benedetto, Fr. Jeffry, Fr. Arlindo), the seminarians, the international community, all the ASC who came from the communities and you friends. Finding ourselves around the chalice of the Beloved Lamb is surely the fullest opportunity to manifest that closeness to each other, that support and that trust that is needed when we find ourselves facing a new beginning.

The infinite patience of beginning…keeping alive the desire to constantly experience the newness that only God can place into our innermost heart.

There are many feelings with which we begin this service to the Congregation…  Fear(Awe) and trembling…   Awe for the awareness that the Lord offers Himself through unexpected invitations, trembling for the fear of not being capable to respond fully to his will.

Contrasting feelings, as you can imagine; but if we are here it is to re-confirm our loving adherence to the Lord who does not tire of leading us always further beyond ourselves in gift in the bare obedience of faith. We are re-conferming our “Yes” to The Love!

We have celebrated the Eucharist during which all, in unique and singular ways, with awareness we renewed our intimate and deep belonging to our Beloved Spouse who leads us on unexplored paths, asking or us simply a docile abandonment.

There is a word that resounds repeatedly in today’s liturgy and which is the profound invitation that the Father gently whispers to us, challenging our often divided heart… between “servile duties” and “loving desires of sons/daughters”: to obey radically to the excessive and unmeasured Love of God.

We have savored one of the most beautiful texts of Scripture: the hymn of Christ, who emptied Himself for us and for our salvation. Fr. Oliviero, in his homily, broke this Word for us… And I, too, permit me, I will try timidly to share a thought…which is a prayerful sentiment, matured in my personal prayer and which warmed my heart.

Paul, with heartbroken tones, gives each of us a life plan; especially today, I hear/feel this Word for us, called to serve the Congregation for the next six years. It is a strong, demanding Word…hard …addressed to me , to you Mattjia, to you Wieslawa, and to you Bridget, and  to you Dani… it is for you Manuela, for you Maria Grazia…for us who begin this fascinating journey of placing ourselves humbly in the footsteps of Christ in order to learn again from Him what it means to make a gift of oneself, in this service of leading the Congregation.

We wish to place ourselves in the school of the Master in order to assume these His same feelings (Phil 2:5) and learn the bare obedience of faith (cfr. Phil 2:8)… we will hold our gaze fixed on Him so that this our fragile response of love might express more life for every ASC spread throughout the world,  by our transformed life. We wish to be Gospel which all can read through our choices and our life in community for mission.

            We try to translate obedience into dedicating our life to what make it real, loving each person, seeking the beauty that heals the heart, the meaning of everything and the fruitful harmony of every meeting. We listen to the desires and dreams of each ASC , and seek concrete ways to make small steps together toward the future that God is dreaming for our Congregation.

We try to make choices in fidelity to the dreams of MDM…, seeking simple means and ways, but new ones, to develop paths, to live the challenges of today.

We don’t do great things, but we try to be a small flame placed above a candelabra simply to give a little light and to give joy to those who wish to be warmed by this flame.

We choose a life of contemplation in order to nourish that interior disposition that will help us respond to the cry of the Blood.

We give a concrete response to the calls that we received in the GA2017 Acts, involving all in trying to listen to the voices of each one and of this our world, which constantly calls upon us and challenges us to be an outgoing Church.

We let our charism flow in our choices, trying not to pose resistance to the healing and reconciling power of the Blood of Christ.

We dispose ourselves with docility and openness of heart in listening to the Word, so that It may transform us and raise our existence up to that which renders it an authentic gift for others, seeking in our relation with the Lord and among ourselves, the courage to expose ourselves, to commit ourselves, become ever more deeply passionate for our common mission in the Church, opening our heart to hospitality, choosing to help life grow.

On this journey we will not be alone…because we will be traveling together the same path traced out by Maria De Mattias, by Serafina Cinque, by the Sisters Martyrs of Charity and Faith and by every Adorer who preceded us and by those who walk beside us.

We follow the path traced by the Administration that preceded us, by the vision which we are acquiring as Congregation. We will walk together, on the same rope (as in mountain climbing). No one is excluded…all are called together to collaborate in openness to the Spirit for global unity.

Continue to pray for us.  Accompany us with the trust that the Lord uses what is small and fragile to do great things.  Evangelical logic is the logic of smallness, of newness, of the possible over our impossible… Believing in this is being open to the work of God and to the experience of faith. May the Lord make for Himself ever more space in our lives; and emptying us of ourselves, may He fill us with Himself and with that Charity that we are called to “retract and reflect” (Life Charter 2).

Again, heartfelt thanks.

Sister Nadia Coppa, ASC General Superior

 

 

 


Lascia un commento

Ringraziamento di Sr Nadia Coppa, Superiora Generale, durante la celebrazione del passaggio della nuova amministrazione generale

Desidero ringraziare brevemente, a nome personale e delle mie collaboratrici, per la partecipazione così sentita a questa celebrazione intensa e commovente. Un momento forte in cui abbiamo fatto esperienza dell’Amore tenero e forte del Signore che ci precede e ci accompagna con premura e pazienza offrendoci ogni volta, ad un di più di vita per noi e per gli altri.

Ringrazio don Oliviero, fratello e amico delle Adoratrici del Sangue di Cristo, per aver condiviso la Parola di Dio, e per averci aiutato a celebrare il mistero di Cristo nella nostra vita e a ciascuno di voi convenuti a condividere questa gioia.

Ringraziamo tutti i sacerdoti (Padre Vito, Don benedetto, Padre Jeffry, Padre Arlindo), i seminaristi, la comunità internazionale, tutte le asc giunte dalle comunità e voi amici. Ritrovarci intorno al calice dell’Amato Agnello è sicuramente l’opportunità più ampia per manifestarci reciprocamente quella vicinanza, quel sostegno e quella fiducia di cui c’è bisogno quando ci troviamo di fronte ad un nuovo inizio.

La pazienza infinita di cominciare… mantenendo vivo il desiderio di fare costantemente esperienza della novità che solo Dio può porre nell’intimo del nostro cuore.

Sono tanti i sentimenti con i quali iniziamo questo servizio alla Congregazione… Timore e tremore… Timore per la consapevolezza che il Signore si propone attraverso inviti inattesi, tremore per la paura di non essere capaci di rispondere pienamente alla sua volontà.

Sentimenti contrastanti, come potete immaginare, ma se siamo qui è per riconfermare la nostra adesione amorosa al Signore che non si stanca di condurci sempre più oltre noi stesse nel dono e nell’obbedienza nuda della fede.

Abbiamo celebrato l’eucaristia nella quale tutte, in modalità uniche e singolari, abbiamo rinnovato con consapevolezza nuova la nostra appartenenza intima e profonda all’Amato Sposo che ci conduce su vie inesplorate, chiedendoci semplicemente un docile abbandono.

C’è una parola che risuona ripetutamente nella liturgia di oggi e che è l’invito profondo che il Padre ci sussurra dolcemente sfidando il nostro cuore spesso diviso… tra “doveri servili” e “desideri d’amore di figli/e”: obbedire con radicalità all’Amore eccessivo e smisurato di Dio.

Abbiamo gustato uno dei testi più belli della Scrittura : l’inno a Cristo svuotatosi per noi e per la nostra salvezza. Don Oliviero, nella sua omelia, ha spezzato per noi questa Parola… E anch’io, permettetemi, tenterò timidamente di condividere un pensiero… che è sentimento orante, maturato nella mia preghiera personale e che ha riscaldato il mio cuore.

Paolo, con toni accorati, ci consegna a ciascuno di noi un programma di vita, oggi, in modo particolare, sento questa Parola per noi, chiamate a servire la Congregazione per i prossimi sei anni. E’ una parola forte, esigente… dura… rivolta a me, a te Mattjia, a te Wieslawa, a te Bridget, a te Dani… è per te Manuela, per te Maria Grazia… per noi che iniziamo questo cammino affascinante del metterci umilmente sulle orme di Cristo per imparare ancora da Lui cosa significhi farsi dono in questo servizio di guida alla Congregazione.

Desideriamo metterci alla scuola del Maestro per assumere gli stessi suoi sentimenti (Fil. 2,5) e imparare l’obbedienza nuda della fede (cfr Fil. 2,8) … terremo fisso lo sguardo su di Lui affinchè questa nostra fragile risposta d’amore si esprima un di più di vita per ogni ASC sparsa nel mondo e la nostra vita trasformata. Desideriamo  essere Vangelo che tutti possono leggere attraverso le nostre scelte e la nostra vita in comunità per la missione.

Cercheremo di tradurre l’obbedienza nel dedicare la vita a ciò che la rende vera, amando ogni persona, ricercando la bellezza che guarisce il cuore, il senso di ogni cosa e l’armonia feconda di ogni incontro.  Ascolteremo i desideri e i sogni di ogni ASC e cercando modalità concrete per muovere piccoli passi insieme verso il futuro che Dio sta sognando per la nostra Congregazione.

Cercheremo di compiere  le scelte in fedeltà al sogno di MDM…, individuando i mezzi e modalità semplici, ma nuove per sviluppare percorsi, per vivere le sfide dell’oggi.

Non faremo grandi cose, ma cercheremo di essere una piccola fiammella posta sopra ad un candelabro semplicemente per donare un po’ di luce e per far gioire coloro che vogliono lasciarsi scaldare da questa fiamma.

Sceglieremo la via della contemplazione per maturare quella disposizione interiore che ci aiuterà a rispondere al grido del Sangue.

Daremo una risposta concreta alle chiamate che abbiamo ricevuto negli Atti AG 2017 coinvolgendo tutte e cercando di ascoltare le voci di ognuna e di questo nostro mondo che costantemente ci interpella e ci sfida ad essere chiesa in uscita.

Lasceremo che il nostro carisma fluisca nelle nostre scelte cercando di non opporre resistenza alla potenza sanante e riconciliante del Sangue di Cristo.

Ci disporremo con docilità e apertura di cuore in ascolto della Parola, perché ci trasformi ed elevi la nostra esistenza sino a ciò che la rende autentico dono per gli altri cercando, nella nostra relazione con il Signore e tra noi, il coraggio di esporci, di comprometterci, appassionarci sempre più profondamente alla nostra missione comune nella Chiesa, aprendo il cuore all’ospitalità scegliendo di far crescere la vita.

In questo cammino non saremo sole… perché percorreremo insieme questo sentiero tracciato da MDM, da Serafina Cinque, dalle consorelle Martiri della Carità e della Fede e da ogni adoratrice che ci ha precedute e da quelle che camminano accanto a noi.

Seguiremo il sentiero tracciato dall’Amministrazione che ci ha preceduto, dalla visione che come Congregazione stiamo acquisendo. Cammineremo insieme, in cordata. Nessuna è esclusa… tutte chiamate insieme a collaborare in apertura allo Spirito per l’unità globale.

Continuate a pregare per noi. Accompagnateci con la fiducia che il Signore si serve di ciò che è piccolo e fragile per fare cose grandi. La logica evangelica è la logica della piccolezza, dell’inedito, del possibile sul nostro impossibile… Credere in questo è essere aperte all’opera di Dio e all’esperienza della fede. Il Signore si faccia sempre più spazio nelle nostre vite e svuotandoci di noi stessi ci ricolmi di Sé e di quella Carità che siamo chiamate a “ritrarre e riflettere” (CdV 2).

Grazie ancora di cuore

Sr Nadia Coppa, ASC

Superiora generale

 


Lascia un commento

Dobri Pastir

Najveća potreba današnjeg čovjeka je potreba za Istinom, za dobrom i istinskim vodstvom i to na svim razinama. Ta potreba se javlja iz činjenice da je čovjek današnjice poprilično izgubljen. Svjesno ili zavedeno, čovjek je postao rob mnogih krivih ciljeva služeći se sredstvima koja se nimalo ne uklapaju u kršćansku ljestvicu vrednota, evanđeoskih vrednota. Stoga nam je potrebno zagledati se u istinskog Vođu, u lik Dobroga Pastira i način njegovog vodstva te ponovno otkriti ljepote istinske dobrote koju nam je on objavio.

Evanđelje sv. Ivana nam predstavlja bitne karakteristike Dobrog Vođe. On je onaj koji:

  • poznaje one koje vodi
  • daje im život
  • snažno ih brani jer njemu pripadaju – nitko ih ne može oteti iz njegove ruke

Prva potreba čovjeka je biti voljen. Unatoč tolikim ponudama i izvorima komunikacije čovjek se osjeća usamljeno i ne shvaćeno. Osjećamo silnu potrebu da nas netko pozna u našim dubinama, u našoj intimi, u našoj ranjenosti. On, Dobri Pastir, to čini. On posjeduje tu istinu o nama. On, koji je naše boli na sebe uzeo.

Druga važna čovjekova potreba je potreba za srećom – živjeti život u punini. I upravo  tu potrebu Dobri Pastir izvršava darujući sama sebe za one koji mu pripadaju. Prolijeva svoju Krv za njih i ostavlja im samog sebe u Kruhu Života da ga blaguju i tako imaju život u sebi, život u izobilju.

Treća potreba današnjeg čovjeka je biti slobodan i siguran, vjerovati vodstvu. Upravo Dobri Pastir jedini ispunjava sve uvjete sigurnosti i vjernosti. Jedna priča kazuje da je jedna ovca otkrila  rupu u prostoru ovčinjaka, i pobjegla je van. Bila je tako radosna što je otišla. Međutim, jako se udaljila, i izgubila se. Opazila je tada da je slijedi vuk. Trčala je, a vuk ju je i dalje gonio. Na njezinu sreću stigao je pastir, i spasio je. S ljubavlju ju je stavio na ramena i donio u ovčinjak. Pastiru su govorili da zatvori rupu u ovčinjaku ali on to nije htio učiniti.

Možemo se upitati: zašto pastir nije želio zatvoriti rupu u ovčinjaku? Evo odgovora: jer u Kristovom ovčinjaku su samo ovce koje tu žele biti, a one koje žele otići, slobodne su izići ali ih i dalje Dobri prati, ne ostavlja ih.

Ostanimo u blizini Dobrog Vođe, u Njegovom ovčinjaku, slušajući  Njegov glas – idimo za Njim.

Matija Paviƈ  ASC


Lascia un commento

IL Buon Pastore

Il più grande bisogno dell’ uomo di oggi è un bisogno di verità, il bene e genuina leadership a tutti i livelli. Questa necessità deriva dal fatto che l’uomo d’oggi è abbastanza perso. Consapevolmente o invogliato, l’uomo è diventato schiavo di molti obiettivi falsi utilizzando mezzi che non fanno  parte della scala dei valori cristiani, i valori evangelici. Pertanto, abbiamo bisogno di vedere un vero leader. Fissiamo gli  occhi nella figura del Buon Pastore e il modo della sua gestione, e riscopriamo la bellezza della vera bontà che ci ha rivelato.

Il Vangelo di San Giovanni presenta le caratteristiche essenziali di un buon leader. Egli è colui che:

– Conosce quelli che sostiene

– Dà loro la vita

– Vigorosamente gli  difende perché appartengono a lui – nessuno le rapirà dalle sue mani

Sono queste le caratteristiche che caratterizzano le esigenze di ogni persona. Nonostante tante offerte e le fonti di comunicazione l’uomo si sente solo e non capito. Sentiamo il grande desiderio di farci conoscere da qualcuno nelle nostre profondità, nella nostra intimità, nelle nostre ferite. Lui, il Buon Pastore, fa questo.  Egli possiede la verità su di noi. Egli, che il nostro dolore lo ha preso sulle sue spalle.

Un altro importante bisogno umano è la necessità di felicità – di vivere la vita in pienezza. E proprio questo  bisogno il Buon Pastore compie nel dare se stesso a coloro che appartengono a lui. Lui versa il suo sangue per loro e gli lascia se stesso nel pane di vita da mangiare e così loro hanno la vita in se, la vita in abbondanza.

La terza esigenza dell’uomo odierno è quello di essere libero e sicuro nella leadership, avere la fiducia nel leadership. Proprio il Buon Pastore risponde su tutti i requisiti di sicurezza e di fedeltà. Una storia narra che una pecora ha trovato un buco nello spazio del ovile, ed è fuggita fuori. Lei era così felice perché se ne andata via. Tuttavia, lei si è molto allontanata, e si è persa. Notò poi che è stata seguita da un lupo. Lei correva, pero il lupo la perseguitava. Fortunatamente, il suo pastore è arrivato, e la salvata. Con l’amore la ha messa sulle spalle e riportato all’ovile. Al Pastore hanno detto che bisogna chiudere il buco nell’ovile, ma lui non voleva farlo.

Possiamo chiederci: perché il pastore non ha voluto chiudere il foro nell’ovile? Ecco la risposta: perché nel gregge di Cristo sono solo pecore che vogliono essere qui, e se qualche  vogliono andare sono libere di uscire, ma ancora il Buon Pastore li segue, non gli lascia.

Rimaniamo sempre nella vicinanza del Buon Pastore,  nel suo ovile, ascoltando la sua voce, andiamo a Lui.

 

Matija Paviƈ  ASC


Lascia un commento

Good Shepherd

The greatest need today’s man is a need for truth, for good and genuine leadership at all levels. This need arises from the fact that the man of today is quite lost. Consciously or misguided, man has become the slave of many false targets using means which are not at all fit into the Christian scale of values, evangelical values. Therefore, we need to see a true leader, in the figure of the Good Shepherd and the manner of its management, and to rediscover the beauty of true goodness which he has revealed.

The Gospel of St. Ivana presents the essential characteristics of a good leader. He is the one who:

– Knows the ones that keep

– Gives them life

– Vigorously defend them because they belong to him – no one can snatch them out of his hands

The first need of man is to be loved. Despite so many deals and sources of communication man feels lonely and not understood. We feel compelled to let us know someone in our depths, in our intimacy, our woundedness. He, the Good Shepherd, it seems. He possesses the truth about us. He, who is our pain upon himself.

Another important human need is the need for happiness – to live life to the full. And just this need the Good Shepherd executed by giving himself to those who belong to him. He sheds his blood for them and leaves them himself in the Bread of Life to eat and so have life in himself, life in abundance.

Third needs of modern man is to be free and safe, trusted to leadership. Precisely the Good Shepherd only meets all the requirements of security and fidelity. One story has it that one sheep found a hole in the space sheep pen, and fled outside. She was so happy she escaped. However, she went wery far and got lost. She then noticed that was followed by a wolf. She ran but the wolf still pursued. Fortunately for her shepherd arrived, and saved her. With love he put her on his shoulders and brought back to the  sheep pen.  The people said to the shepherd to close the hole in the sheep pen but he did not want to do.

We can ask ourselves: why the shepherd did not want to close the hole in the sheep pen? Here’s the answer: because in Christ’s flock we are only sheep that want to be here, and those who want to go there are free to go out,  but still Good Shepherd, do not leave them.

Ceeping clouse to the Good Sheperd in his sheep pen, listening to his voice and let us go to him.

Matija Paviƈ  ASC


Lascia un commento

la casa museo di Santa Maria De Mattias a Vallecorsa,

Il giorno 18 marzo 2016 è stata inaugurata la casa museo di Santa Maria De Mattias a Vallecorsa, suo paese natale.
Qui venne ad abitare da quando aveva 9 o 10 anni. La famiglia De Mattias vi si trasferì tra il 1814-15.
Fino all’età di 9-10 anni Maria De Mattias abitava nella palazzo de’ Rossi. Questa casa che era proprietà dei de’ Rossi, la famiglia più importante di Vallecorsa, la cedettero alla famiglia De Mattias. Lo scambio di case era motivato dalla necessità che i de’ Rossi avevano di ingrandire il loro Palazzo e anche dal fatto che i De Mattias trovavano più decorosa questa casa e in più perché era attigua all’abitazione della prima moglie di Giovanni De Mattias, Rosaria de’ Vecchis. Giovanni De Mattias acquistò questa casa.
In questa casa vissero alcune generazioni dei De Mattias: la famiglia di Giovanni e Ottavia De Angelis, genitori di Maria; quella di Michele e Carolina Sacchetti, fratello e cognata di Maria; quella di Pio, nipote di Maria De Mattias e, infine, quella di Gino e Rina, pronipoti di Maria De Mattias.
In questa casa santa MDM parla. È lei che ha reso sacre queste mura, perché qui scoprì la sacralità della propria esistenza.
Le mura e le stanze di questa casa ci parlano di molte cose di Maria De Mattias e della famiglia De Mattias. Ne ricordiamo solo alcune:
1) Ci parlano della sua infanzia e adolescenza
Accanto al padre sostava la sera fino a che non prendesse sonno. Vicino al camino il padre le raccontava le storie bibliche e lei si cibava di quei sacri racconti e dunque della Parola di Dio che iniziava ad illuminare il suo cammino.

2) Queste mura ci parlano del suo discernimento
Nella sua cameretta avvenne il travaglio, la maturazione e la grande decisione di dedicare tutta la sua vita al Signore e al “caro prossimo”.

3) Queste mura ci parlano del suo cammino interiore
Queste mura ci fanno conoscere il cammino interiore di Maria De Mattias attraverso l’aiuto e l’accompagnamento della Madonna. Sarà Lei a guidarla e a mostrarle Suo Figlio Gesù. C’è nella sua cameretta il quadro della Madonna della Maternità alla quale Maria De Mattias volgeva lo sguardo per chiedere luce e protezione.

4) Queste mura ci parlano di Maria, donna della Parola
Qui scoprì la sua attitudine nel parlare, quando da giovinetta, iniziò a riunire le ragazze davanti alla sacra immagine di Gesù Bambino, sue compagne per palare loro di Dio e della storia della Salvezza da farne la donna della Parola.

5) Qui nasce un nuovo progetto
Queste stanze ci parlano del concepimento e della gestazione di un grande progetto: la fondazione delle Adoratrici del Sangue di Cristo, un Istituto che lei già vede sparso in tutto il mondo dove tante donne continuano a fare quello che lei ha fatto.

6) La partenza
E’ la casa da cui, 182 anni fa, la Santa dopo il concepimento e la gestazione durata ben 10 anni e all’età di 29 anni, parte per far nascere in Acuto, il 4 marzo 1834, la nuova creatura: un Istituto tutto dedito all’amore di Dio e alla propagazione delle glorie del Divin Sangue.

Questo luogo può diventare la casa di ciascuno di noi, di ogni pellegrino che vi entra e che desidera fare un itinerario spirituale, ripercorrendo tutte le tappe di santa Maria De Mattias.

Milena Marangoni ASC