In Alleanza

Il blog del Centro Internazionale di Spiritualità

Triduo a Santa Maria De Mattias, terzo giorno.

Lascia un commento

Immagine

 

 

Santa Maria De Mattias : Passione per la missione: ieri, oggi e domani

Stasera vogliamo onorare Santa Maria De Mattias e riflettere insieme su come ella sia stata una donna con una chiara visione e una forte passione apostolica. L’abbiamo ricordato come una donna di preghiera, cuore orante… Adoratrice e apostola che traeva la sua forza dalla vita di preghiera.

La sua vita di preghiera l’ha condotta ai piedi della croce, nella contemplazione del Crocifisso Signore, ma lei non è rimasta lì. Il carisma l’ha sospinta ad abbracciare le tante croci che incontrava ogni giorno.  Riflettiamo sulla sua passione missionaria, sul suo profondo desiderio di collaborare con Gesù Crocifisso nell’opera della redenzione; la sua missione continua ancora oggi nella vita delle Adoratrici e nei collaboratori in tutto il mondo.
La croce era un potente simbolo della sua unità con la missione di Gesù. Vogliamo segnarci con il segno della croce ricordando il nostro Battesimo e la nostra appartenenza al Cristo Crocifisso Signor…

Nel nome del Padre …

L.        O Signore, apri le mie labbra.

T.        E la mia bocca proclami la tua lode

L.        O Signore, apri il mio cuore

T:        Che io possa amare con la stessa compassione che animò  Santa Maria De Mattias.

Gloria al Padre…

 Canto di inizio: Cantiamo te

Cantiamo te, Signore della vita,

il nome tuo è grande sulla terra

tutto parla di te, e canta la tua gloria,

grande tu sei e compi meraviglie, tu sei Dio.

Cantiamo te, Signore Gesù Cristo,

Figlio di Dio venuto sulla terra,

fatto uomo per noi, nel grembo di Maria.

Dolce Gesù risorto dalla morte sei con noi.

Cantiamo te, amore senza fine,

tu che sei Dio, lo Spirito del Padre,

vivi dentro di noi, e guida i nostri passi,

accendi in noi il fuoco dell’eterna carità.

 

L: Il seme della passione missionaria di Maria de Mattias è stato piantato presto nella sua vita, mentre si sedeva vicino al padre e ascoltava la Parola di Dio . E ‘stata una parola d’amore per tutte le persone che ha trovato espressione nel suo desiderio di fare la volontà di Dio. Questa vicinanza alla Parola dell’Amore si rifletteva più vividamente nella sua vita e nelle sue scelte.

 S 1: “Dal giorno in cui mi sono data al servizio del Signore nostro Gesù Cristo, non ho mai desiderato di fare la mia volontà, ma solo quella di Dio…”  MDM

S 2:  “Dobbiamo essere coraggiose e abbandonarci nelle mani di Dio, lasciarci guidare da Lui in tutte le cose  perché arrendersi alla volontà di Dio, è arrendersi all’amore …” MDM

 S 1: “Imploriamo Dio che compia in noi ciò che vuole. L’Istituto del Preziosissimo Sangue è composta da sorelle, ma deve essere un cuor solo e un’anima sola, dal momento che ci deve essere, ma una sola volontà , la volontà di Dio “. MDM

 S 2 : “Dobbiamo servire il nostro Dio benedetto con tutto il cuore e cercare di far conoscere a tutti l’amore di Gesù che fu crocifisso per amore nostro e adoperarci affinché possa essere amato da tutti … ” MDM

 Jubilate Deo omnis terra,

servite Domino  in laetitia!

Alleluia, alleluia in laetitia!

Alleluia, alleluia in laetitia!

 Lettura:   L’istituto andava rivelando la sua vera fisionomia, il suo carisma, la sua ragion d’essere sociale, storica, ecclesiale. Non solo una comunità religiosa femminile che gestiva una scuola efficiente (il che già era molto per quei tempi) ma un centro di formazione, di accoglienza e di spiritualità dove le donne prendevano coscienza della loro identità cristiana, approfondivano la dottrina della fede, si incontravano, pregavano assieme, riflettevano, discutevano, si confrontavano, si preparavano alle scelte più importanti, riscattandosi in qualche misura dalle fatiche e dalle umiliazioni di una vita troppo dura evolvendo come donne e come cristiane, e irradiando a loro volte sulle famiglie e su tutta la comunità la luce ricevuta.   

Un programma rivoluzionario portato avanti da donne per le donne, con l’obiettivo di far crescere insieme la Chiesa e la società. E al cuore di tutto questo…c’era lei, Maria, che si impegnava allo spasimo per le compagne e le alunne per tutte le acutine e le loro famiglie. Ma quello che scopriva sempre meglio in se stessa e metteva continuamente a disposizione degli altri era soprattutto il carisma dell’insegnamento, della parola, della predicazione.

    (Mario Spinelli, La Donna della Parola)

 Riflessione silenziosa:

Come lascio che la Parola di Dio arricchisca la mia vita e la missione affidatami?

Eccomi, Eccomi! Signore, io vengo.

Eccomi, Eccomi! Si compia in me la tua  volontà.

 L:  (…) Allorchè Iddio elegge alcuno onde servirsene per le opere di sua gloria è uso di preparar le vie e dispensare quei doni di natura e di grazia che sono necessari al conseguimento del fino… Ed avendo prescelto Maria De Mattias… le donò un cuor sensibile e facile all’impressione della grazia, uno spirito pronto ed energico, un angelica illibatezza di costumi”.            

                                                    (Discorso Funebre di Giovanni Merlini)

Jubilate Deo omnis terra,

servite Domino  in laetitia!

Alleluia, alleluia in laetitia!

Alleluia, alleluia in laetitia!

 S 1:      Noi Adoratrici, che abbiamo ricevuto dallo Spirito il dono della vocazione apostolica, impieghiamo volentieri  le nostre energie nel ministero collaborando con Cristo alla sua opera r redentiva. La nostra missione, come quella di Maria De Mattias, è testimoniare l’amore crocifisso Gesù.

S 2:     … facendo nostre le speranze e le gioie, i dolori e le angosce di tutti gli uomini, specialmente dei poveri    e degli oppressi. Vivendo e annunciando il vangelo di amore, di giustizia e di pace, partecipiamo alla trasformazione del mondo.

S 1:      Qualunque sia il nostro ministero aiuteremo gli altri a sviluppare il loro potenziale umano e a dare una risposta libera e piena allo Spirito.

S 2:      Saremo grate a quelli che serviamo poiché, mentre prestiamo loro la nostra opera, essi ci aiutano a crescere verso la maturità in Cristo.

S 1:      Ciascuna di noi, qualunque sia il suo ministero, è chiamata a trovare esso un mezzo per evangelizzare, collaborare all’unità di tutti in Cristo e promuovere la giustizia, la pace e l’amore.

S 2:      Quando il nostro ministero principale è quello della preghiera e/o della sofferenza, siamo chiamate in modo particolare ad offrirle a sostegno delle suore impegnate nell’attività apostolica e per   l’avvento del Regno di Dio nel mondo.       

                      (Costituzione: La Nostra Vita nella Missione e nel Ministero)

 

Jubilate Deo omnis terra,

servite Domino  in laetitia!

Alleluia, alleluia in laetitia!

Alleluia, alleluia in laetitia!

Riflessione silenziosa:

Con quale dono Dio ha benedetto la mia vita in modo che posso portare la presenza di Dio nella mia famiglia, ministeriali, gli incontri quotidiani?

Eccomi, Eccomi! Signore, io vengo.

Eccomi, Eccomi! Si compia in me la tua  volontà.

L: “Quando leggiamo la biografia di Santa Maria ci troviamo a meravigliarci per tutto ciò che Dio ha realizzato attraverso di lei. Non poteva fare tutto, ma con disponibilità, ella ha fatto ciò che poteva fare.  La sua visione è stata portata avanti dalle sue seguaci in tutti i continenti del nostro mondo di oggi … E’ questa l’eredità che abbiamo! Gesù ci ha dato le Beatitudini come il piano per la nostra vita. Santa Maria ha esemplificato per noi come lasciare che si sviluppino nella nostra vita. La nostra Carta di vita ci aiuta a sapere come rispondere alle sfide delle Beatitudini in modo significativo nella nostra cultura e nei tempi in cui viviamo. Dobbiamo abbracciare queste sfide. Potremmo non essere in grado di fare tutto quello che vorremmo fare … Ognuno di noi risponde con la misura del suo amore.

(Le Beatitudini, Santa Maria De Mattias e le Adoratrici)

 Jubilate Deo omnis terra,

servite Domino  in laetitia!

Alleluia, alleluia in laetitia!

Alleluia, alleluia in laetitia

L: I nostri Atti dell’Assemblea generale 20111, ci chiamano…

S 1: Ci incoraggiamo a dare risposte concrete rischiare di più personalmente … per  servire il bene comune,  la giustizia e i poveri;

S 2. porre particolare attenzione … al servizio a favore delle famiglie dei migranti, dei rifugiati e dei senza potere, proteggendo soprattutto le donne e i bambini,

S 1: assumere la responsabilità personale della propria relazione con Dio, con noi stesse e con gli altri attraverso un’accoglienza costante della Parola di Dio, vivendo in discernimento nella interdipendenza.

S 2: sostenere cammini di riconciliazione e di comunione dentro la Chiesa, corpo di Cristo, ferita dal peccato, dalle divisioni e dai vari abusi di potere.

Tutti:  Come cittadini del mondo e credenti in Cristo, intraprendiamo questo cammino alla sequela di Gesù, cittadino del mondo e, ispirate da S. Maria De Mattias, da Serafina Cinque, dalle cinque martiri della carità, sante dei nostri giorni vogliamo abitare in questo mondo in fedeltà all’invito di scegliere la vita.

 Canto finale: 

Ci hai redenti o Signore con il tuo Sangue.

Ci hai chiamati da ogni lingua popolo e razza e hai fatto di noi un regno per il nostro Dio.

 

 Commissione liturgica

Comunità Internazionale

Adoratrici del Sangue Cristo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...