In Alleanza

Il blog del Centro Internazionale di Spiritualità


Lascia un commento

Stay awake… love seeks you!

Religious life is about seeking life’s essentials. It is not a clever way of doing humanitarian works or finding staff to distribute money to the poor. Our vow of poverty is not for saving money for our Religious order, or accumulating perishable goods for self.

Celibacy is not about killing the lifegiving fire that sexuality is, but to seek what lies behind the ache of human longing, and build a world of love, not just for those I call mine, but for every one.

Obedience is a courageous adult’s decision to stake everything on this humanly mad pursuit of Divine will, as Jesus did.

When I wake up in the morning, and find myself alive on this fragile planet, with health of body and mind, and a thousand opportunities to do good or harm, to hurt or to heal, decide to increase the goodness in the world today.

The love that sustains me and you, created the world, and locks it in tender embrace.

Decide to be on the side of love, and think of atleast three good deeds we can do each day – lest our good intentions vanish without a race.

Remember, the call is to awake, the fourth week of Advent is imminent and let us incarnate the truth in flesh, giving to our life a different colour.

Religious life is not about habit nor rules and regulations. It is not even about the legal code of vows: but about a HABIT of the heart. If your years of staying in has freed your heart to love without boundaries God smiles. After all, you seek no other reward exept the Giver of all gifts.

When caught up in love who thinks of rewards?
When the heart is on fire, why clamp it down with rules?

Beena Thoombalan ASC


Lascia un commento

Risvegliati , l’Amore ti cerca…

La vita religiosa è ricerca di elementi essenziali . Non è un modo intelligente di fare opere umanitarie o la ricerca di personale per distribuire soldi ai poveri. Il nostro voto di povertà non è risparmio di denaro per il nostro ordine religioso, o accumulare “tesori”.

Il voto di castità non è uccidere il fuoco vivificante che la sessualità è, ma è cercare ciò che sta dietro il dolore del desiderio umano, è costruire un mondo di amore, non solo per quelli che io amo ma per tutti.

Il voto di obbedienza è la decisione coraggiosa di adulti/e di puntare tutto su questa umana folle la ricerca della volontà divina, come ha fatto Gesù.

Quando mi sveglio la mattina e mi trovo viva su questo fragile pianeta, con la salute del corpo e della mente e mille opportunità per fare del bene o del male, ferire o guarire, decidere di aumentare la bontà nel mondo di oggi.

L’amore che ci sostiene, ha creato il mondo, e lo blocca in un tenero abbraccio.

Decidiamo oggi di rimanere dalla parte dell’amore, e pensare o almeno possiamo provare a fare le cose buone se no le nostre buone intenzioni possono scomparire senza lasciare nessuna traccia.

Ricorda la chiamata è per svegliare, la quarta settimana di avvento è imminente e possiamo trasformare la nostra vita incarnando la verità restituendo alla nostra esistenza un colore nuovo.

La vita religiosa come sappiamo non è questione di leggi o regolamenti. Non si tratta di regole per i voti: ma è di un abitudine di cuore. Se la vita di tanti anni ci ha resi capaci e liberi per amare senza confini è allora sicuro che Dio ci sorriderà.

Quando uno è perso nell’amore, non pensa al ricompenso!
Quando il cuore e’ infiamato dal fuoco, perchè spengere il fuoco!

Beena Thoombalan ASC


Lascia un commento

Second Sunday of Advent.

The prophet Isaiah wrote, “See, I am sending my messenger ahead of you, who will prepare your way; the voice of one crying out in the wilderness: ‘Prepare the way of the Lord, make his paths straight.”
And John, the messenger of God, proclaimed to all the people who came to him in the wilderness that they must repent of their sins and be baptized. Many people heard his message, repented, and were baptized in the river Jordan.
John the Baptist is the one calling us to get ourselves right with God and turn our lives in another direction. He’s a radical reminder that we can change. We can start anew. John’s hand reaches out to pull us to something better, a place of security and hope.
To accept the Message from this Sacred Scripture is to admit our weakness, our frailty and take step to live reconciliation. This is an important way during Advent to make ourselves ready for Christ.
Advent is about getting ready for Christ. To prepare the way of the Lord! Christ wants nothing more than to dwell in our hearts.
The John Baptist’s cry in the desert is nothing less than a call to conversion. He’s offering us a second chance.

Martina Marco ASC