In Alleanza

Il blog del Centro Internazionale di Spiritualità


Lascia un commento

Obraćenje srca (III. Korizmena nedjelja )

Nalazimo se u vremenu pokore, odricanja, promišljanja o Isusovoj muci, trpljenju. Nalazimo se u posebnom vremenu kada nas se poziva na istinsko obraćenje Bogu.
Gospodin nas, putem liturgijskih čitanja ove nedjelje, poziva da svoj pogled usmjerimo na same sebe, u nutrinu svoga srca, te na znakove vremena u kojem se nalazimo. Liturgijska čitanja govore o Bogu koji uzima inicijativu, po Mojsiju se brine za svoj narod (usp. Izl 3, 1-8a.13-15); pokazuju milosrdnog Boga, koji tješi svoj narod, obasipa ga mnogim dobročinstvima, oprašta grijehe, iscjeljuje slabosti, izbavlja život od propasti, a potlačenima vraća pravicu (usp. Ps 103, 1-4.6-8.11); isto tako, prikazuju Boga koji dopušta smrt onih koji ga svjesno nisu slušali, nisu išli putem njegovih zapovijedi, savjeta (usp. 1 Kor 10, 1-6.10-12). Može li se sve to pridodati istome Bogu? Zar je Bog uistinu takav? Što sve ovo znači za mene osobno?

U traženju odgovora može nam pomoći evanđeoski odlomak koji danas razmatramo. Isus kaže: Mislite li da ti Galilejci, jer tako postradaše, bijahu grešniji od drugih Galilejaca? Nipošto, kažem vam, nego ako se ne obratite, svi ćete slično propasti! Ili onih osamnaest na koje se srušila kula u Siloamu i ubila ih, zar mislite da su oni bili veći dužnici od svih Jeruzalemaca? Nipošto, kažem vam, nego ako se ne obratite, svi ćete tako propasti (Lk 13, 2-4).
Prvo: Bog je sama ljubav i dobrota, ali je ujedno i istinska pravda. U njemu nema tame zla, nego samo svjetlo dobra. On je oduvijek isti i ne može se mijenjati. No, ako se svjesno i odlučno, bez razmišljanja, tijekom života odlučujemo za zlo – nismo na strani Božjoj. Ako se svjesno tijekom života odlučujemo za grijeh – moramo biti svjesni i njegovih posljedica, plodova. Put koji izaberemo vodi nekamo: u smrt ili život, daje loše ili dobre plodove, vodi nas u tamu ili u svjetlo… A Bog u svojoj ljubavi sve čini da nas odvrati od zlog puta, ali nas ne prisiljava da ga prihvatimo kao svoga Suputnika, Prijatelja, Brata… Upravo zato jer je čista ljubav, ne želi nas siliti ni na što!

Drugo: Iako se zovemo kršćanima, svake nedjelje idemo u crkvu, redovito se molimo, postimo, pomažemo bližnjima, ne konzumiramo neumjerno jelo i piće, ne ubijamo, ne krademo itd., ne možemo se smatrati boljima, pravednijima, svetijima od onih koji to ne rade, ili ne rade u istoj mjeri kao mi! Gospodin nas poziva na istinsko obraćenje svojih srdaca! Ako se nekome dogodilo neko zlo, ne možemo to smatrati Božjom kaznom, jer ne znamo koji je splet okolnosti doveo do toga! Tko sam ja da sudim bližnjega?! Ako mu ne znam ili ne želim pomoći, nemam ga pravo pred drugima ni ogovaranjem osuđivati i ponižavati! A što ako i mene vlastiti način života dovede do nekih tragičnih doživljaja? Što ako se, na primjer, svjesno odlučim voziti u autu s osobom u opijenom stanju?… Samo Bog zna zašto se nešto dogodilo. On, također, svako zlo zna preobličiti u neko dobro: za nas same i naše bližnje.

Gospodin nas poziva na duboko obraćenje srca! Daje razne znakove upravo zato da razmislimo o vlastitom načinu života, razmišljanja, govorenja, djelovanja. Zato Isus naše oči usmjerava na nas same, u nutrinu naših srdaca. Želi da promislimo o svojim postupcima, načinu života, odnosima prema drugima i prema Bogu.
Što mi to Bog želi poručiti putem svoje svete Riječi?
Koji događaji ili djela mi prolaze kroz misli kada čitam i razmatram ove retke? Zašto?
Čemu i kome su koristila ta iskustva, osobe, riječi…?
Na čemu trebam na sebi još poraditi?
Vidim li, prije svega, za sebe kakvu Božju poruku u svemu tomu?

DavorLukačević, CPPS

Annunci


Lascia un commento

Conversione del cuore (III Domenica di Quaresima Anno C)

Siamo in un tempo di penitenza, di sacrificio, pensando alla passione di Gesù, la sua sofferenza. Siamo in un tempo particolare in cui da noi si chiede un vero pentimento a Dio.
Il Signore, attraverso la lettura liturgica di questa domenica, ci chiama a fissare il nostro sguardo su noi stessi, all’interno del nostro cuore, ed sui segni dei tempi in cui ci troviamo. Le letture liturgiche parlano di Dio che prende l’iniziativa, per mezzo di Mosè si preoccupa per il suo popolo (cfr. Es 3, 1-8a.13-15.); ci mostrano un Dio misericordioso, che consola il suo popolo, perdona i peccati, guarisce i malati, salva la vita dalla distruzione e dona la giustizia agli oppressi: le letture mostrano anche che Dio permette la morte di coloro che consapevolmente non ascoltano, non hanno osservato i suoi ordini e consigli . Si può tutto questo associare allo stesso Dio? Ma Dio è davvero cosi? Che cosa significa tutto questo per me personalmente?
Nella ricerca di risposte ci può aiutare il brano evangelico che oggi noi consideriamo. Gesù dice: Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei per aver subito tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo! O quelle diciotto persone sulle quali crollò la torre in Siloe e li uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite perirete tutti allo stesso (Luca 13: 2-4).

Prima: Dio è vero amore e bontà, ma è anche vera giustizia. In lui non ci sono tenebre del male, ma solo la luce del bene. Egli è sempre lo stesso e non può essere modificato. Tuttavia, se consapevolmente e con decisione, senza pensare, durante la nostra vita scegliamo il male – non facciamo la parte di Dio. Se si decide consapevolmente durante la vita di vivere nel peccato – dobbiamo essere consapevoli delle sue conseguenze. Il percorso che abbiamo scelto ci porta dalla parte della morte o della vita, dando frutti buoni o cattivi, ci porta al buio o alla luce … E Dio nel suo amore fa tutto per allontanarci dal cammino malvagio, ma non ci forza di accettarlo come suo Compagno, Amico, Fratello … solo perché è puro amore, non vuole costringerci a fare qualsiasi cosa!

Secondo: anche se noi ci chiamiamo cristiani, ogni Domenica andiamo in chiesa regolarmente per pregare, digiuniamo, aiutiamo altri esseri umani, non uccidiamo, non rubiamo, ecc. non ci possiamo sentire migliori, più giusti, più sacri di quelli che non fanno cosi o fanno meno di noi! Il Signore ci chiama ad una vera conversione del cuore! Se a qualcuno è successo qualcosa di male, non possiamo pensare ad esso come punizione di Dio, perché Dio non punisce. Chi sono io per giudicare il prossimo?! Se non so come aiutare o non voglio aiutare, io non ho il diritto di sparlare, condannare e umiliare! Pero, cosa succede se il mio stile di vita mi porta a qualche tragica esperienza? Che cosa succede se, per esempio, consapevolmente voglio andare in una macchina con una persona in stato di ubriachezza? … Dio solo sa perché è successo qualcosa. Lui sa trasformare in un bene ogni male: per noi e per i nostri cari.
Il Signore ci chiama a una profonda conversione del cuore! Ci da una varietà dei segni per riflettere sul proprio modo di vivere, di pensare, di parlare, di agire. Pertanto, Gesù indirizza i nostri occhi a noi stessi, all’interno dei nostri cuori. Vuole che riflettiamo sulle nostre azioni, stili di vita, relazioni con gli altri e con Dio.

Che cosa Dio mi vuole dire attraverso le sue parole sante?
Quali eventi o atti passano attraverso la mia mente durante la lettura di queste righe? Perché?
Su che cosa ho bisogno ancora di lavorare nella mia persona?
Quale messaggio Dio mi vuole donare in questa terza domenica di quaresima?

Davor Lukačević, CPPS


Lascia un commento

Conversion of Heart (3rd Sunday of Lent Yr C)

We are in a time of penitence, sacrifice, thinking of the passion of Jesus, His suffering.
We are in a special time in which a true conversion to God is being asked of us.
Through the liturgical readings of this Sunday, the Lord calls us to fix our gaze on ourselves, within our heart, and on the signs of the times in which we are living. The liturgical readings speak of God who takes the initiave, through Moses who is caring for his people (cfr. Es 3, 1-8°, 13-15). They show us a merciful God who consoles His people, forgives sins, heals the sick, saves life from distruction and gives justice to the oppressed (cfr.Sal. 103; 1-4, 6-8, 11). The readings show also that God allows the death of those who knowingly do not listen, have not observed His orders and counsels (cfr. 1 Cor 10:1-6, 10-12). Can we associate all this with the same God? But is God really like this? What does all of this mean for me personally?

In seeking responses the Gospel passage that we are considering today can help us. Jesus says:
“Do you think that because these Galileans suffered in this way they were greater sinners than all other Galileans? By no means! But I tell you, if you do not repent, you will all perish as they did! Or those eighteen people who were killed when the tower at Siloam fell on them*—do you think they were more guilty than everyone else who lived in Jerusalem? By no means! But I tell you, if you do not repent, you will all perish as they did!” (Luke 13:2-4

First: God is true love and kindness, but is also true justice. In Him there are not shadows of evil, but only the light of good. He is always the same and cannot be changed. Still, if knowingly and with decision, without thinking, during our life we choose evil – we are not doing God’s part. If one decides consciously during life to live in sin – we must be aware of its consequences. The route that we have chosen leads us to the part of death or of life, giving good or bad fruits; it brings us to darkness or to light… And God in His love does everything to distance us from the evil road, but does not force us to accept it as His Companion, Friend, Brother… only because God is pure love and does not want to force us to do any thing whatsoever!

Second: even if we call ourselves Christians, we go to church regularly every Sunday to pray, we fast, we help other human beings, we do not kill, we do not rob, etc., we cannot consider ourselves better, more just, holier than those who do not do that, or do so less than we do! The Lord calls us to a true conversion of heart! If something bad happened to someone, we cannot think of it as punishment of God, because God does not punish. Who am I to judge the neighbor?! If I do not know how to help or do not want to help, I have no right to speak badly, condemn or humiliate! However, what happens if my lifestyle brings me to some tragic experience? What happens if, for example, knowingly I want to get into a car with a person in a state of drunkenness?… God alone knows why somethng happened. He knows how to transform every evil into good: for us and for our dear ones.
The Lord is calling us to a deep conversion of heart! He gives us a variety of signs to reflect on the proper way to live, to think, to speak, to act. Therefore, Jesus directs our eyes to ourselves, to the inside of our hearts. He wants us to reflect on our actions, lifestyles, relationships with others and with God.
What does God want to tell me through His holy words?
What events or acts pass through my mind during the reading of these lines? Why?
On what do I still need to work in my person?
What message does God want to give me on this third Sunday of Lent?

Davor Lukačević, CPPS


Lascia un commento

Seconda Domenica di Quaresima

“Mentre parlava così, venne una nube e li avvolse; all’entrare in quella nube, ebbero paura. E dalla nube uscì una voce, che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’eletto; ascoltatelo». (Luca 9:34-35)

Le trasfigurazioni possono essere spaventose per chi è testimone della trasformazione. Nel nostro testo evangelico oggi, Pietro sembra non sapere come assimilare la rivelazione di fronte a lui. Sente il bisogno di fare qualcosa, di portare a terra tutta questa esperienza. Ha bisogno di fare qualcosa di pratica perché non sa come maneggiare questo momento mistico. Ma proprio mentre Pietro comincia a formulare una attività costruttiva, coloro che sono trasfigurati si muovano ad un regno oltre le possibilità umane, un luogo dove la praticità mondana è adombrata dalla poesia celeste. E le parole sciocche di Pietro vengono coperte dalla dichiarazione profonda di Dio.

Il mondo è ancora spaventato da coloro che diventano trasfigurati. Il timido Oscar Romero è diventato un avvocato schietto per i poveri, e la gente si è riempita di stupore. Da arcivescovo ha visto la condizione degli “invisibili” nella società e ha trovato il coraggio di parlare a sfavore degli oppressori. E` diventato qualcuno di cui aver paura perché propagava un messaggio pericoloso della libertà . E` diventato la voce di Gesù ; e, come Gesù ha pagato l’ultimo prezzo.

In tutte le età abbiamo avuto delle persone che sono state trasfigurate. Essi, poi, hanno spinto persone ordinarie a diventare straordinari esempi luminosi nel mondo. Anche la nostra Maria De Mattias si è trasformata da una giovane vanitosa la cui preoccupazione principale sembrava la sua apparenza fisica, in una donna spinta avanti costantemente dalla sua missione di misericordia.Nel Sangue di Cristo essa è stata trasformata; e Dio ha invitato coloro intorno a lei di ascoltarla.

La trasfigurazione non è solo una cosa del passato. Oggi, persone in mezzo a noi vengono fatte nuove nell’immagine di Cristo. Ci possono far paura perché le loro parole e le loro azioni ci sfidano a lasciare la nostra vita comoda per la vita radicale del profeta. Possono essere trovate nel nostro posto di lavoro, o nella nostra casa, o possono pure essere trovate faccia a faccia con noi nello specchio. Siamo tutti chiamati ad essere gli “Eletti di Dio.” A noi tutti Dio offre delle rivelazioni trasformanti. E noi abbiamo delle parole e delle azioni alle quali altre persone dovrebbero ascoltare. Non cerchiamo di costruire delle tende. Entriamo la nuvola.

Sr. Janis Yaekel, ASC.


Lascia un commento

Second Sunday of Lent

“While Peter was speaking, a cloud came and overshadowed them, and the disciples grew fearful as the others entered it. Then from the cloud came a voice which said, ‘This is my Son, my Chosen one. Listen to him.’” (Luke 9:34-35)

Transfigurations can be frightening for those who are witnessing the transformation. In our gospel passage today Peter doesn’t seem to know how to absorb the revelation before him. He feels the need to take action, to bring this whole experience down to earth. He needs to do something practical because he doesn’t know how to handle this mystical moment. But even while Peter is beginning to formulate a constructive activity those who are transfigured are moving on to a realm that is beyond human reach, a place where worldly practicality is overshadowed by heavenly poetry. And the foolish words of Peter are drowned out by the profound declaration of God.

The world is still frightened by those who have been transfigured. Timid Oscar Romero became an outspoken advocate for the poor and people were astounded. As archbishop he saw the plight of the invisible in his society and he found courage to speak out against those oppressors. He became someone to fear because he was spreading a dangerous message of freedom. He became the voice of Jesus and like Jesus he paid the ultimate price.

Throughout the ages we have had people who were transfigured. They then motivated ordinary individuals to become extraordinary beacons of light in the world. Even our Maria De Mattias moved from being a vain young woman whose main concern seemed to be her physical appearance to a woman who was constantly being urged forward by her mission of mercy. The woman who ventured through the hill country of Italy in order to spread the word of God would probably have been unrecognizable to those who knew her as a girl.          In the Blood of Christ she was transformed and God invited those around to listen to her.

Transfiguration is not just a thing of the past. Today people among us are being remade in the image of Christ. They may frighten us because their words and actions are challenging us to leave our comfortable lives for the radical lives of prophets. They may be found in our work place or our homes or they might even be found facing us in the mirror. We are all called to be the Chosen Ones of God. We are all offered transforming revelations from God. And we have words and actions to which others need to listen. Let us not try to put up tents. Let us enter the cloud.

Sr. Janis Yaekel, ASC.


Lascia un commento

Prima Domenica di Quaresima

“ Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano e fu condotto dallo Spirito nel deserto dove, per quaranta giorni, fu tentato dal diavolo. (Luca 4:1-2)

Hai mai seguito un palloncino pieno di aria quando è stato liberato? Viaggia senza la minima esitazione. Alto e più alto vola. Durante il volo è sgombro e si muovere dovunque il vento lo porta. Infatti, il suo destino è determinato totalmente dal vento.

In questa prima Domenica di Quaresima sentiamo che Gesù fu pieno dello Spirito Santo e che si è permesso di essere condotto da quel Spirito nel deserto. Con la presenza straripante di Dio, era pronto di rimanere quaranta giorni in quel paessaggio sterile, dove avrebbe incontrato il diavolo faccia a faccia. Durante questo periodo vive dalla parte più profondo dal suo essere. Impara dalle lezioni della caduta e della sopravivenza, e deve sostenere la turbolenza di cuore che solo la tentazione possa creare. Come il palloncino che vola libero, Gesù dipende dai venti dello Spirito a guidarlo durante il soggiorno nel deserto.

Oggi, entrando nel deserto Quaresimale dobbiamo chiederci se siamo addestrati per fare il soggiorno di quarante giorni, oppure sarà solo un esercizio frustrante. Sapremo, nel nostro intimo, se sopravvivremo in questo periodo di prova, o saremo esitanti di fronte al viaggio perchè le nostre paure ci paralizzano?

Persone che sono piene dello Spirito Santo non sono controllate dalle paure. Non sono legate al terreno tramite le loro “manie”. Piuttosto volano oltre il potere del mondo e dipendono dalla forza dello Spirito sopravvivendo alle tempeste.

Se vogliamo sapere se la nostra vita è riempita dallo Spirito, dobbiamo domandarci semplicemente se conosciamo l’amore nel profondo del cuore. Perché l’amore è il vento che ci tiene in alto e ci guida dove non osiamo andare. Essere pieni di questo amore significa conoscere Dio come Creatore e abbracciare il fatto che dipendiamo da Dio per tutti i nostri bisogni. Questo conoscere è più di un sentimento, più di un pio pensiero. Conoscere l’amore intimo di Dio ci permette la libertà di correre rischi e di essere profeti, di essere guaritori e insegnanti e fedeli seguaci dello Spirito.

Sr. Janis Yaekel, ASC.


Lascia un commento

First Sunday of Lent

“Jesus, full of the Holy spirit, then returned from the Jordan and was conducted by the Spirit into the desert for forty days, where he was tempted by the devil.” (Luke 4:1-2)

Have you ever watched a filled balloon when it has been set free? It travels without the slightest hesitation. Higher and higher it soars. During the flight it is unencumbered and can move wherever the winds take it. In fact, its destiny is totally determined by the wind.

On this first Sunday of Lent we hear that Jesus was filled with the Holy Spirit and that he allowed himself to be led by that Spirit into the desert. Overflowing with God’s presence he was willing to stay for forty days in this barren landscape where he would come face to face with the devil. During this time he lives from the deepest part of his being. He learns lessons of surrender and survival and needs to ride out the turbulence of heart that only temptation can create. Like the balloon flying free Jesus depended on the winds of the Spirit to guide him during this sojourn in the desert.

Today as we enter the desert of the Lenten season we need to ask ourselves if we are equipped to make this forty day journey or will this simply be an exercise in frustration. Will we know at the depth of our being that we will survive this time of trial or will we be hesitant about the journey because our fears are paralyzing us?

People filled with the Holy Spirit are not controlled by their fears. They are not tethered to the ground by their addictions. Rather they soar beyond the power of the world and they depend on the strength of the Spirit to help them survive the storms of destruction.

If we want to know if our life is filled with the Spirit we need to simply ask ourselves if we know love deep in our hearts for love is the wind that upholds us and leads us where we dare not go. Being filled with this love is about knowing God as our Creator and embracing the fact that we are dependent on God for all our needs. This knowing is more than a feeling, more than a holy thought. Knowing God’s intimate love allows us the freedom to be risk takers and prophets, healers and teachers and faithful followers of the Spirit.

Sr. Janis Yaekel, ASC.