In Alleanza

Il blog del Centro Internazionale di Spiritualità


Lascia un commento

Chi vuoi come Re del tuo cuore?

Eccoci giunti all’inizio della settimana per eccellenza della nostra fede cristiana! Quella settimana in cui faremo memoria e mediteremo sui grandissimi misteri e doni che il Signore Gesù ci ha lasciato e che ha compiuto durante il corso della sua vita! Sarà una settimana di “grazia”, se la vivremo non da spettatori, che guardano impassibili, ma da veri e propri protagonisti degli eventi, perché la Settimana Santa non narra solamente gli ultimi momenti della vita del Maestro, ma ABBRACCIA ANCHE LA TUA VITA E PARLA A TE! E’ stupendo pensare come Gesù, fa il suo ingresso a Gerusalemme acclamato ed osannato sapendo ciò che gli sarebbe accaduto più avanti. Entra in questa città come Re, entra con tutta la sua umile e semplice regalità, cammina avanti per primo, perché tutti vedano chi è veramente l’unico e solo Re dei re! Nella tua vita e nel tuo cuore, chi regna? Regna Gesù il Signore o qualche altro re “terreno” che hai voluto mettere a capo della tua vita e al quale obbedisci perché ne sei schiavo? Tanti possono essere i “re” che pensiamo che possano governare la nostra vita rendendoci felici (soldi, successo, sesso, droga, alcool, egoismo, superbia ecc.), ma che in realtà ci fanno cadere ancora di più, non donandoci la speranza di una vita pienamente felice, ma di una dipendenza ed infelicità pazzesca che può portarci alla morte del cuore, in senso sia spirituale che fisico! Ebbe oggi Gesù ti viene a dire: SCEGLI ME COME UNICO E SOLO RE DELLA TUA VITA! Il Signore, se glielo permetterai, da oggi entrerà nella tua Gerusalemme, nella tua storia fatta di peccato, di debolezze, di fragilità, ma anche fatta di tantissime cose belle che Lui ti ha dato e che finchè non ti deciderai ad abbandonare i “tuoi falsi re” non potrai mai vedere TUTTO LO SPLENDORE DELLA TUA VITA! Decidi, già da ora, di accoglierlo e affidargli tutta la tua storia e vedrai che Egli cambierà ogni situazione, perché va avanti per primo, per spianarti la strada autentica, quella della sequela dietro a Lui!
Buon cammino in questa Settimana Santa e buona Domenica delle Palme!

Marco Lambertucci, sem. CPPS
Matteo Ciuffreda, sem. CPPS

Annunci


Lascia un commento

WAY OF THE CROSS OF REFUGEES

 

Opening Song

In memory of this passion,
we ask your forgiveness, Lord,
for every time we have left
your brother to die alone
We pray to you, Man of the cross,
Son and brother, we hope in you!
In memory of your death,
we ask you for the courage, Lord,
that every time the gift of love is
asked of us we, too, may have
to suffer alone.
We pray to you, Man of the cross,
Son and brother, we hope in you!
In memory of the Last Supper,
we will break anew your bread
and every time your body is given
It will be our hope of life.

“In our time, the migration is growing worldwide. Refugees and people fleeing from their homes challenge individuals and communities, and their traditional ways of life; at times they upset the cultural and social horizons which they encounter. Increasingly the victims of violence and poverty, leaving their homelands, are exploited by human traffickers during their journey towards the dream of a better future. If they survive the abuses and hardships of the journey, they then have to face latent suspicions and fears. In the end, they frequently encounter a lack of clear and practical policies regulating the acceptance of migrants and providing for short or long-term programs of integration respectful of the rights and duties of all. Today, more than in the past, the Gospel of mercy troubles our consciences. prevents us from taking the suffering of others for granted, and points out the ways of responding which, grounded in the theological virtues of faith, hope and charity, find practical expression in spiritual and corporal works of mercy. ”
Pope Francis, World Day of Migrants and Refugees -2016

Lord, with this way of the cross, we ask forgiveness for our indifference towards so many brothers and sisters, we ask your forgiveness for we ask forgiveness for those who are pleased with themselves, who are closed in on their own well-being in a way that leads to an anesthesia of the heart, we ask you, Father, for forgiveness for those who with their decisions at the global level have created situations that lead to these tragedies. Forgive us, Lord!

I. Jesus is condemned to death: Crucify Him!
He is given over to be crucified.

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.

“Rejecting immigrants….When they reach a port or a beach, they are given some water or something to eat and pushed out to sea. This is an unresolved conflict, and this is war, this is called violence, it’s called murder”.
Pope Francis’ Address to the Eucharistic Youth Movement, August 7, 2015

– Who is the person that I have condemned? Of whom have I
washed my hands?

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

II. Jesus carries the cross: Jesus takes up the cross and goes up to Calvary.

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.

Not infrequently, the arrival of migrants, displaced persons, asylum-seekers and refugees in the local populations gives rise to suspicion and hostility. There is a fear that society will become less secure that identity and culture will be lost, that competition for jobs will become stiffer and even that criminal activity will increase.
Pope Francis (World Day of Migrants and Refugee- 2013)

– What are my fears in responding to the needs of others?
Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

III. Jesus falls for the first time: He took upon himself the sins of the people.

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.

These brothers and sisters of ours were trying to escape difficult situations to find some serenity and peace; they were looking for a better place for themselves and their families – but instead they found death. How often do such people fail to find understanding, fail to find acceptance, fail to find solidarity. And their cry rises up to God!
Pope Francis (Homily at Lampedusa, 2013)

– In this moment of silence we present to you, Lord, the hopes, dreams and sufferings of every refugee.

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

IV. Jesus meets his mother: Woman, behold your son.

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart..

The Mission of the Church, herself a pilgrim in the world and the Mother of all, is to love Jesus Christ, to adore and love him, particularly in the poorest and most abandoned; among these are certainly migrants and refugees, who are trying to escape difficult living conditions and dangers of every kind. It is the Church Without Borders, Mother to all.
Pope Francis (World Day of Migrants and Refugees, 2015)
– We entrust to your intercession, O Virgin Mary, Mother of migrants and refugees, and to Saint Joseph, who experienced the bitterness of emigration to Egypt and you know what it entails. (World Day, 2016)

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

V. Jesus is helped by Simon of Cyrene to carry the cross: The one who does not take up their cross every day is not worthy of me.

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.

Each of us is responsible for his or her neighbor: we are our brothers’ and sisters’ keepers, wherever they live. Concern for fostering good relationships with others and the ability to overcome prejudice and fear are essential ingredients for promoting the culture of encounter, in which we are not only prepared to give but also to receive from others. Hospitality, in fact, grows from both giving and receiving.
Pope Francis (World Day of Migrants and Refugees-2016)

– To whom have I given my hand in welcome and solidarity?

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

VI. Veronica wipes the face of Jesus: She went to him and anointed his wounds.

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.
Biblical revelation urges us to welcome the stranger; it tells us that in so doing, we open our doors to God, and that in the faces of others we see the face of Christ himself. […] Dear migrants and refugees do not let yourselves be robbed of the hope and joy of life born of your experience of God’s mercy as manifested in the people you meet on your journey. Also, thanks to the people who greet you and help you.
Pope Francis ( World Day of Migrants and Refugees- 2016)

– Am I able to recognize the face of Christ in a stranger, in the refugee in the marginalized?

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

VII. Jesus falls the second time: He had no beauty or majesty to attract us to him, no beauty that we should desire him.

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.

Migrants and refugees are not pawns on the chessboard of humanity. They are children, women and men who leave or are forced to leave their homes for various reasons, who share a legitimate desire for knowing and having, but, above all, for being more. The sheer numbers of people migrating from one continent to another, or shifting places within their own countries and geographical areas, is striking.
Pope Francis (World Day of Migrants and Refugees- 2014)

– Indifference kills: how can I be in solidarity with the unjust suffering of so many people whose identity is violated?

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

VIII. Jesus meets the women of Jerusalem: do not weep for me, but for your children.

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.

The courage of faith, hope and love enables us to reduce the distances that separate us from human misery. Jesus Christ is always waiting to be recognized in migrants and refugees, in displaced persons and in exiles, and through them he calls us to share our resources, and occasionally to give up something of our acquired riches.
Pope Francis (World Day of Migrants and Refugees-2015)

– What am I willing to give up for the sake of another person?

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

IX. Jesus falls the third time: The chastisement of our salvation was upon him. By his wounds we have been healed.

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.

Fleeing from situations of extreme poverty or persecution in the hope of a better future, or simply to save their own lives, millions of persons choose to migrate. Despite their hopes and expectations, they often encounter mistrust, rejection and exclusion, to say nothing of tragedies and disasters which offend their human dignity. Pope Francis (W Day M R-2013)

– Let us pray God to open our hearts and make us a sign of mercy, which is experience of encounter

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

X. Jesus is stripped of his garments: They stripped him of his clothes and cast lots for them.

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.

No one can claim to be indifferent in the face of new forms of slavery imposed by criminal organizations which buy and sell men, women and children as forced laborers in construction, agriculture, fishing or in other markets. How many minors are still forced to fight in militias as child soldiers! How many people are victims of organ trafficking, forced begging and sexual exploitation! Today’s refugees are fleeing from these aberrant crimes, and they appeal to the Church and the human community to ensure that, in the outstretched hand of those who receives them, they can see the face of the Lord, “the Father of mercies and God of all consolation” (2 Cor 1:3).

Pope Francis (World Day of Migrants and Refugees-2016)

– Lord, give us the courage to preserve and uphold the dignity of every person

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

XI. Jesus is crucified: An outcast among people.

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.

A change of attitude towards migrants and refugees is needed on the part of everyone, moving away from attitudes of defensiveness and fear, indifference and marginalization – is needed on the part of everyone, moving away from attitudes of defensiveness and fear, indifference and marginalization – all typical of a throwaway culture-towards attitudes based on a culture of encounter capable of building a better, more just and fraternal world.
Pope Francis (World Day of Migrants and Refugees- 2013)

-Faced with these issues, how can the Church fail to be inspired by the example and words respond, if not inspired by the example of Jesus Christ? The answer of the Gospel is the gospel of mercy.

Pope Francis (World Day of Migrants and Refugees -2016)

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

XII. Jesus dies on the cross: there is no greater love than to give one’s life for one’s friends.

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.
“Adam, where are you?”, “Where is your brother?” These are the two questions that God puts at the beginning of the story of humanity, and that He also addresses to men and women of our time, even to us. But I want to set before us a third question: “Who among us has wept for these things, and think like this? Who has wept for the death of these brothers and sisters? Who wept for the people who were on the boat? For the young mothers carrying their babies? For these men who wanted something to support their families? We are a society that has forgotten the experience of weeping, of “suffering with”: the globalization of indifference has taken from us the ability to weep!

Pope Francis – (Homily at Lampedusa)

– And I, for whom do I weep?

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

XIII. Jesus is taken from the Cross: : Father, forgive them they know not what they are doing?

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.

God’s fatherly care extends to everyone, like the care of a shepherd for his flock, but it is particularly concerned for the needs of the sheep who are wounded, weary and ill. Jesus told us that the Father stops to help those overcome by physical or moral poverty; the more serious their condition, the more powerfully is his divine mercy revealed.
Pope Francis (World Day of Migrants and Refugees-2016)

-How have I experienced or witnessed God’s mercy?

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

XIV. Jesus is laid in the tomb: : Joseph of Arimathaea asked for the body of Jesus and wrapped it in a shroud and put it in a tomb hewn in stone in which no one had yet been laid.

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.

God’s love is meant to reach out to each and every person. Those who welcome the Father’s embrace, for their part, become so many other open arms and embraces, enabling every person to feel loved like a child and “at home” as part of the one human family.
Pope Francis (World Day of Migrants and Refugees-2016)

– Every day the dramatic stories of millions of men and women question the international community … Which of them has touched me most deeply?

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

XV. Jesus rises from the dead: Why do you look among the dead for the One who is alive?

We praise you, O Holy Cross, which our Redeemer carried.
Praise, glory and honor, we sing to you, in every language and every heart.

At the heart of the Gospel of mercy the encounter and acceptance by others are intertwined with the encounter and acceptance of God. Welcoming others means welcoming God in person! Do not let yourselves be robbed of the hope and joy of life born of your experience of God’s mercy, as manifested in the people you meet on your journey.
Pope Francis (World Day of Migrants and Refugees-2016)

– Lord, grant me the strength to believe that with the good can overcome evil, that violence and injustice will be definitively defeated by the power of Love that you give us and which make us capable.

Holy Mother, I pray that you let the wounds of the Lord be imprinted in my heart.

Closing prayer

While the passion, death and resurrection of your Son continues to be lived daily in history, grant to me, O Father, the hope, the courage and the confidence to let my heart be united to your and all the hearts of those who suffer in order to become all, with you, the divine source of new life. Amen

Sending Song

Lord, let me walk that lonely road with you
under the weight of the wood.
Lord, let me walk that last mile in your shoes,
under the weight of the wood.

Litugical commission general house.


Lascia un commento

VIA CRUCIS DEL RIFUGIATO

Canto di inizio
Nella memoria di questa passione,
noi ti chiediamo perdono, Signore,
per ogni volta che abbiamo lasciato
il tuo fratello morire da solo.
Noi ti preghiamo, Uomo della croce,
Figlio e fratello, noi speriamo in te!
Nella memoria di questa tua morte,
noi ti chiediamo coraggio, Signore,
per ogni volta che il dono d’amore
ci chiederà di soffrire da soli.
Noi ti preghiamo, Uomo della croce,
Figlio e fratello, noi speriamo in te!
Nella memoria dell’ultima cena,
noi spezzeremo di nuovo il tuo pane
ed ogni volta il tuo corpo donato
sarà la nostra speranza di vita

«Nella nostra epoca, i flussi migratori sono in continuo aumento in ogni area del pianeta: profughi e persone in fuga dalle loro patrie interpellano i singoli e le collettività, sfidando il tradizionale modo di vivere e, talvolta, sconvolgendo l’orizzonte culturale e sociale con cui vengono a confronto. Sempre più spesso le vittime della violenza e della povertà, abbandonando le loro terre d’origine, subiscono l’oltraggio dei trafficanti di persone umane nel viaggio verso il sogno di un futuro migliore. Se, poi, sopravvivono agli abusi e alle avversità, devono fare i conti con realtà dove si annidano sospetti e paure. Non di rado, infine, incontrano la carenza di normative chiare e praticabili, che regolino l’accoglienza e prevedano itinerari di integrazione a breve e a lungo termine, con attenzione ai diritti e ai doveri di tutti. Più che in tempi passati, oggi il Vangelo della misericordia scuote le coscienze, impedisce che ci si abitui alla sofferenza dell’altro e indica vie di risposta che si radicano nelle opere di misericordia spirituale e corporale».
Papa Francesco

Signore, con questa via crucis, chiediamo perdono per la nostra indifferenza verso tanti fratelli e sorelle, ti chiediamo perdono per ogni volta che ci siamo accomodati e chiusi nel nostro benessere che porta all’anestesia del cuore, ti chiediamo perdono per coloro che con le loro decisioni a livello mondiale hanno creato situazioni che conducono a questi drammi.
Perdono Signore!

I Gesù condannato a morte: Crocifiggilo! Lo consegnò perché fosse crocifisso

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

Respingere gli immigrati è un atto di guerra. È un conflitto non risolto, questa è guerra, questo si chiama violenza, si chiama uccidere. Papa Francesco
– Chi è colui che ho condannato? Di chi mi sono lavato le mani?

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

II Gesù caricato della croce: Gesù, portando la croce, salì verso il Calvario

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

Non di rado, l’arrivo di migranti, profughi, richiedenti asilo e rifugiati suscita nelle popolazioni locali sospetti e ostilità. Nasce la paura che si producano sconvolgimenti nella sicurezza sociale, che si corra il rischio di perdere identità e cultura, che si alimenti la concorrenza sul mercato del lavoro o, addirittura, che si introducano nuovi fattori di criminalità.

Papa Francesco

– Quali sono le mie paure nel rispondere al bisogno degli altri?

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore
III Gesù cade per la prima volta: Egli ha preso su di sé i peccati dei popoli

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

Quei nostri fratelli e sorelle cercavano di uscire da situazioni difficili per trovare un po’ di serenità e di pace; cercavano un posto migliore per sé e per le loro famiglie, ma hanno trovato la morte. Quante volte coloro che cercano questo non trovano comprensione, non trovano accoglienza, non trovano solidarietà! E le loro voci salgono fino a Dio!

Papa Francesco

– In un breve momento di silenzio ti presento, Signore, le speranze, i sogni e le sofferenze di ogni rifugiato.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

IV Gesù incontra sua madre: Donna, ecco tuo figlio

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

Missione della Chiesa, pellegrina sulla terra e madre di tutti, è amare Gesù Cristo, adorarlo e amarlo, particolarmente nei più poveri e abbandonati; tra di essi rientrano certamente i migranti ed i rifugiati, i quali cercano di lasciarsi alle spalle dure condizioni di vita e pericoli di ogni sorta. Chiesa senza frontiere, madre di tutti.

Papa Francesco

– Ci affidiamo alla tua intercessione, o Maria, Madre dei migranti e dei rifugiati, che hai sperimentato con San Giuseppe l’amarezza dell’emigrazione in Egitto e sai cosa essa comporta.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

V Gesù aiutato da Simone di Cirene a portare la croce: Chi non prende la sua croce ogni giorno non è degno di me

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

Ognuno di noi è responsabile del suo vicino: siamo custodi dei nostri fratelli e sorelle, ovunque essi vivano. La cura di buoni contatti personali e la capacità di superare pregiudizi e paure sono ingredienti essenziali per coltivare la cultura dell’incontro, dove si è disposti non solo a dare, ma anche a ricevere dagli altri. L’ospitalità, infatti, vive del dare e del ricevere.

Papa Francesco

– A chi ho dato la mia mano, accogliendo e facendomi solidale?

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

VI Veronica asciuga il volto di Gesù: gli si fece vicino, unse le sue ferite

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

La rivelazione biblica incoraggia l’accoglienza dello straniero, motivandola con la certezza che così facendo si aprono le porte a Dio e nel volto dell’altro si manifestano i tratti di Gesù Cristo. […] Cari migranti e rifugiati non lasciatevi rubare la speranza e la gioia di vivere, che scaturiscono dall’esperienza della divina misericordia, anche grazie alle persone che vi accolgono e vi aiutano.

Papa Francesco

– Sono capace di riconoscere il volto di Cristo in uno straniero, nel rifugiato, nell’emarginato?

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

VII Gesù cade per la seconda volta: Non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, non splendore per provare in lui diletto.

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

Migranti e rifugiati non sono pedine sullo scacchiere dell’umanità. Si tratta di bambini, donne e uomini che abbandonano o sono costretti ad abbandonare le loro case per varie ragioni, che condividono lo stesso desiderio legittimo di conoscere, di avere, ma soprattutto di essere di più. È impressionante il numero di persone che migra da un continente all’altro, così come di coloro che si spostano all’interno dei propri Paesi e delle proprie aree geografiche.

Papa Francesco

– L’indifferenza uccide: come rendermi solidale con la sofferenza ingiusta di tante persone la cui identità è violata?

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

VIII Gesù incontra le donne di Gerusalemme: Non piangete su di me, ma sui vostri figli

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

Il coraggio della fede, della speranza e della carità permette di ridurre le distanze che separano dai drammi umani. Gesù Cristo è sempre in attesa di essere riconosciuto nei migranti e nei rifugiati, nei profughi e negli esuli, e anche in questo modo ci chiama a condividere le risorse, talvolta a rinunciare a qualcosa del nostro acquisito benessere.

Papa Francesco

– A cosa sono disposto a rinunciare per il bene di un’altra persona?

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

IX Gesù cade per la terza volta: Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui. Dalle sue piaghe siamo stati guariti

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

In fuga da situazioni di miseria o di persecuzione verso migliori prospettive o per avere salva la vita, milioni di persone intraprendono il viaggio migratorio e, mentre sperano di trovare compimento alle attese, incontrano spesso diffidenza, chiusura ed esclusione e sono colpiti da altre sventure, spesso anche più gravi e che feriscono la loro dignità umana.
Papa Francesco

– Preghiamo Dio perché apra il nostro cuore e ci renda segno di misericordia, che è esperienza di incontro

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

X Gesù è spogliato delle vesti: lo spogliarono delle vesti e le tirarono a sorte

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

Nessuno può fingere di non sentirsi interpellato dalle nuove forme di schiavitù gestite da organizzazioni criminali che vendono e comprano uomini, donne e bambini come lavoratori forzati nell’edilizia, nell’agricoltura, nella pesca o in altri ambiti di mercato. Quanti minori sono tutt’oggi costretti ad arruolarsi nelle milizie che li trasformano in bambini soldato! Quante persone sono vittime del traffico d’organi, della mendicità forzata e dello sfruttamento sessuale! Da questi aberranti crimini fuggono i profughi del nostro tempo, che interpellano la Chiesa e la comunità umana affinché anch’essi, nella mano tesa di chi li accoglie, possano vedere il volto del Signore «Padre misericordioso e Dio di ogni consolazione» (2 Cor 1,3).

Papa Francesco

– Signore dacci il coraggio di custodire e sostenere la dignità di ogni persona

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

XI Gesù è crocifisso: reietto tra gli uomini

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

In questo, è necessario un cambio di atteggiamento verso i migranti e rifugiati da parte di tutti; il passaggio da un atteggiamento di difesa e di paura, di disinteresse o di emarginazione – che, alla fine, corrisponde proprio alla “cultura dello scarto” – ad un atteggiamento che abbia alla base la “cultura dell’incontro”, l’unica capace di costruire un mondo più giusto e fraterno, un mondo migliore.

Papa Francesco

– Di fronte a tali questioni come può reagire la Chiesa, se non ispirandosi all’esempio di Gesù Cristo? La risposta del vangelo è la misericordia.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

XII Gesù muore in croce: non c’è amore più grande di chi dà la vita per i propri amici

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

«Adamo dove sei?», «Dov’è il tuo fratello?», sono le due domande che Dio pone all’inizio della storia dell’umanità e che rivolge anche a tutti gli uomini del nostro tempo, anche a noi. Ma io vorrei che ci ponessimo una terza domanda: «Chi di noi ha pianto per questo fatto e per fatti come questo?», Chi ha pianto per la morte di questi fratelli e sorelle? Chi ha pianto per queste persone che erano sulla barca? Per le giovani mamme che portavano i loro bambini? Per questi uomini che desideravano qualcosa per sostenere le proprie famiglie? Siamo una società che ha dimenticato l’esperienza del piangere, del “patire con”: la globalizzazione dell’indifferenza ci ha tolto la capacità di piangere!

Papa Francesco

– E io, per chi piango?

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

XIII Gesù deposto dalla croce

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

La premura paterna di Dio è sollecita verso tutti, come fa il pastore con il gregge, ma è particolarmente sensibile alle necessità della pecora ferita, stanca o malata. Gesù Cristo ci ha parlato così del Padre, per dire che Egli si china sull’uomo piagato dalla miseria fisica o morale e, quanto più si aggravano le sue condizioni, tanto più si rivela l’efficacia della divina misericordia.

Papa Francesco

– In che modo ho fatto l’esperienza e sono testimone della misericordia di Dio?

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

XIV Gesù è posto nel sepolcro: lo posero in un sepolcro nuovo

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

L’amore di Dio, infatti, intende raggiungere tutti e ciascuno, trasformando coloro che accolgono l’abbraccio del Padre in altrettante braccia che si aprono e si stringono perché chiunque sappia di essere amato come figlio e si senta “a casa” nell’unica famiglia umana.
– Ogni giorno le storie drammatiche di milioni di uomini e donne interpellano la Comunità internazionale… Quale di esse mi ha toccato di più?

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

XV Gesù risorge dai morti: perché cercate tra i morti colui che è vivo?

Ti saluto o Croce santa, che portasti il Redentor.
Gloria lode, onor ti canta, ogni lingua ed ogni cuor.

Alla radice del Vangelo della misericordia l’incontro e l’accoglienza dell’altro si intrecciano con l’incontro e l’accoglienza di Dio: accogliere l’altro è accogliere Dio in persona! Non lasciatevi rubare la speranza e la gioia di vivere che scaturiscono dall’esperienza della misericordia di Dio, che si manifesta nelle persone che incontrate lungo i vostri sentieri!
– Signore, donami la forza di credere che con il bene si può vincere il male, che la violenza e l’ingiustizia saranno definitivamente sconfitte dalla forza dell’Amore che tu ci dai e di cui ci rendi capaci.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore

Preghiera conclusiva
Mentre la passione morte e resurrezione del tuo Figlio continuano ad attualizzarsi nella storia, donami, o Padre, la speranza, il coraggio e la fiducia di lasciare che il tuo cuore si unisca al mio e a tutti i cuori di coloro che soffrono per diventare tutti, con te, sorgente divina della vita nuova. Amen

Canto finale

Signore, donami di percorrere con te
quel sentiero solitario
portando il peso della croce.
Signore, donami di camminare dietro a te
calpestando le tue orme
rese profonde dal peso della croce.

Commissione liturgica casa generalizia.

 

 


Lascia un commento

Quinta Domenica di Quaresima

Alzatosi allora Gesù le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?». Ed essa rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù le disse: «Neanch’io ti condanno; và e d’ora in poi non peccare più». (Giovanni 8:10-11)

Dopo una tale mattina, dov’è andata la donna? Dove poteva andare? Sono stati frettolosi i suoi passi, per paura che sarebbero ritornati quegli uomini? Era confusa e disorientata, da non saper dove andare? Se n’è andata via davvero, oppurre si è attardata accanto a quest’uomo strano ma avvincente?

Non abbiamo delle risposte alla domanda di che cosa ha fatto, ma forse il nostro cuore ci dice oggi che se, infatti, era andata via, alla fine sarebbe ritornata. Siccome era stata salvata da una morte inevitabile, forse qualcosa di duro dentro di lei era stata spezzato e lei sarebbe rimasta pura e innocente di nuovo.

Spesso quando riflettiamo su questo passo ci poniamo in mezzo alla folla che è andata via.Oggi, immaginiamo che siamo la donna che se n’è andata, perché, in fin dei conti, non siamo anche noi peccatrici? E non dobbiamo affrontare la condanna? Certo, siamo come i farisei, prontissimi a condannare. Ma, oggi, immaginiamoci donne sprezzanti e forse disperate, che hanno fatto una scelta cattiva. Incontriamo faccia-a-faccia l’unica persona che potrebbe capire che sotto il nostro peccato c’è il nostro destino.

Dopo che il nostro peccato è stato perdonato, chi siamo allora? Riconosciamo questa persona tutta nuova? Gesù pensa di si`. Gesù non sente il bisogno di istruire la donna sul suo comportamento futuro. Gesù sa che lei troverà la via per tornare a casa. E forse Gesù sapeva che la via versa la casa l’avrebbe condotta proprio a Lui. Similmente, sa che una volta sperimentata la sua grazia riconciliante, anche noi possiamo trovare la via alla vita eterna.

Oggi, mentre la donna adultera diventa la nostra santa patrona, forse capiremo che il perdono è la nostra porta alla libertà; e che siamo chiamata a passarci dentro. E, passata per la porta, forse comprenderemo che la nostra missione è di aiutare agli altri di sperimentare il perdono anche loro.

Sr. Janis Yaekel, ASC


Lascia un commento

Fifth Sunday of Lent

“Jesus finally straightened up and said to her, ‘Woman, where did they all disappear to? Has no one condemned you?’ ‘No one, sir,’ she answered. Jesus said, ‘Nor do I condemn you. Go, and from now on do not sin anymore.’” (John 8:10-11)
After such a morning as this where did the woman go? Where could she go? Were her steps hurried for fear the men might come back? Did she walk away slowly as if she were in some kind of amazing trace? Was she confused and disorientated, not knowing where to go? Did she walk away at all or did she linger at the side of this strange yet compelling man?

We do not have the answers to the question of what she did but perhaps our heart tells us today that if she went away at all she would eventually come back. Since she was rescued from a sure death perhaps something hardened inside was shattered and she was left pure and innocent once again. Now a new world of possibilities was spread before her, possibilities that would draw her back to this prophet for direction.

So often when we reflect on this reading we put ourselves in the crowd that had to walk away. Today let us imagine that we are the woman that walked away for, after all, are we not also sinners and do we not face condemnation? Certainly we are like the Pharisees, quick to condemn. But today let us be the reckless and perhaps desperate woman who had made a bad choice. Let us meet face to face the one person who might understand that underneath our sin is our destiny.

When our sin has been forgiven who are we now? Do we recognize this brand new person? Jesus seems to think so. Jesus didn’t feel the need to instruct the woman about future behavior. He seemed to know that she can find her way home now. And perhaps He knew that the road home will lead her right back to Him. Likewise He knew that once we experience His reconciling grace that we too can find the way to lasting life.

Today as the adulterous woman becomes our patron saint perhaps we will understand that forgiveness is our door to freedom and that we are called to go through it. And once through the door perhaps we will understand that our mission is to help others know that forgiveness too.

Sr. Janis Yaekel, ASC.


Lascia un commento

Glaubst du, dass Gott dir verzeiht, und liebst du Ihn deshalb noch mehr?

Das Gleichnis vom barmherzigen Vater und den zwei ungleichen Söhnen
Jeder von uns braucht den Augenblick der Umkehr, in dem er beginnt, anders zu leben. Jeder von uns sollte die Zeit und die Möglichkeit finden, zumindest in einer Angelegenheit sich zu verbessern. Denn all dein Tun und dein Umgang mit deinen Mitmenschen hängt davon ab, wie du bist.

Mahatma Gandhi hat von sich selbst erzählt: In meinem fünfzehnten Lebensjahr hab ich einen Diebstahl begangen. Ich war jemandem etwas schuldig, und so habe ich die goldene Uhr meines Vaters gestohlen, damit ich meine Schulden begleichen konnte. Jedoch konnte ich die Last meiner Sünde nicht ertragen. Ich schämte mich so sehr, dass ich zu meinem Vater kein Wort sagen konnte. Deshalb habe ich meine Beichte auf ein Blatt Papier geschrieben. Als ich mich dann mit dem Blatt in der Hand vor meinen Vater hinstellte, zitterte ich am ganzen Körper. Mein Vater las alles, was auf dem Zettel stand, er schloss die Augen und dann zerriss er den Zettel. „Es ist gut so“, sagte er, und nahm mich in seine Arme. – „Von da an“, sagte Gandhi, „habe ich meinen Vater noch mehr geliebt.“
Vergiss nicht, wie oft Gott dir schon verziehen hat, wie oft er dich in seine Arme nehmen wollte. Liebst du da deinen himmlischen Vater noch mehr? Wird er dir immer vertrauter? Glaubst du überhaupt, dass dir wirklich verziehen wurde? Bedenke, was uns die Heiligen sagen: Sobald du bereust, bist du unschuldig. Erinnere dich an den rechten Schächer auf Golgotha – es ist ihm einfach vergeben worden; am selben Tag noch ist er im Himmel – ein Verbrecher… Oder erinnere dich an den verlorenen Sohn im Gleichnis, das uns Jesus erzählt: er hat alles verschwendet, was er vom Vater genommen hatte. Dann kehrt er zum Vater zurück, barfuss und nackt. Er möchte wenigstens der letzte Diener im Haus seines Vaters sein. Der Vater aber sieht ihn schon von Weitem kommen und stürmt hinaus, er umarmt und küsst ihn, gibt ihm neue Kleider und veranstaltet ein Fest – weil er heil zurück¬gekommen ist. Begreifst du, dass Gott so ist? Das sagt uns Jesus, nicht Menschen sagen uns das. So ist Gott. Wirst du ab jetzt Gott, deinen Vater, mehr lieben?

Willi Klein, cpps

 


Lascia un commento

Do you believe that God pardons you and do you, in response, love Him even more?

Each of us needs a conversion moment when one begins to live differently. Each of us ought to find time and opportunity to improve in at least one thing. Because all your actions and behavior toward persons depend on how you are.

Mahatma Gandhi recounted about himself: When I was fifteen years old I committed a theft: I owed someone something and, in order to pay my debts, I stole my father’s gold watch. But I couldn’t carry the weight of my sin. I was so ashamed that I could not say a word to my father. Therefore I wrote my confession on a sheet of paper. While I stood with the paper in hand in front of my father, my whole body was trembling. My father read everything I had written on the paper, closed his eyes, then tore up the paper. That’s fine like that, he said, and he embraced me. “From that time on,” said Gandhi, “I loved my father even more.”

Do not forget how many times God has already forgiven you. How many times he would have wanted to hug you. Do you also love your heavenly Father even more? Do you experience Him closer? Do you really believe that He has pardoned you? Reflect on what the saints tell us: As soon you as you repent, you are innocent. Remember the thief on the right of Jesus Crucified on Golgotha! He was simply pardoned. The same day he, a thief, was in paradise. Or, remember the prodigal son in the parable that Jesus recounts to us: he wasted everything that he had received from his father. Then he returns to the father shirtless and shoeless. He desires to be, at least, the least important servant in his father’s house. But the father sees him already from afar and runs to meet him; he embraces and kisses him, gives him new clothes and prepares a feast for him, because he came home safe. Do you understand that God is like this? Jesus us tells us this; people are not telling us this. God is like this. Will you love God your Father more from now on?

Willi Klein, cpps